calendario la torre contattaci fotografie

Liturgia e celebrazione

Published on Ottobre 13th, 2014 | by Giovanni Fiumi

0

Festeggiamenti per don Angelo Maffioletti

Don Angelo Maffioletti è nato ad Arzago d’Adda il 27 aprile 1974 ed è stato ordinato sacerdote il 17 giugno 2006. Vicario a Mozzanica (2006-2010) e, poi, presso la parrocchia di S. Michele Vetere in Cremona, ora il Vescovo lo ha promosso parroco delle parrocchie di San Matteo delle Chiaviche e Sabbioni di San Matteo, nel Viadanese.

Di seguito riportiamo l’articolo redatto in occasione dell’ingresso di don Angelo Maffioletti  a San Matteo delle Chiaviche, Sabbioni e Squarzanella nel pomeriggio sabato 11 ottobre (fonte www.diocesidicremona.it)

Trombe, tamburi e sbandieratori hanno davvero coinvolto tutto il paese in un clima di grande festa ed entusiasmo. L’atmosfera è stata resa ancora più gioiosa dalla presenza di tanti fedeli, provenienti anche da Mozzanica – comunità dove il giovane sacerdote è stato vicario – dalla  parrocchia di S. Michele Vetere in Cremona e dal paese d’origine, Arzago d’Adda.

La liturgia ha avuto inizio con i riti tipici dell’insediamento di un parroco: la lettura del decreto di nomina da parte del vicario zonale mons. Floriano Danini (che proprio domenica prossima passerà il testimone di arciprete di Viadana a don Antonio Censori), l’invocazione dello Spirito Santo, la benedizione del nuovo pastore. Quest’ultimo poi ha asperso l’assemblea con l’acqua benedetta e ha incensato la mensa eucaristica, centro vitale di tutta la comunità cristiana.

Luisa Oxoli ha quindi letto un breve saluto: «Accogliamo volentieri don Angelo e promettiamo fattiva collaborazione per realizzare il disegno di Dio». E rivolgendosi direttamente al nuovo pastore ha esclamato: «Lei ci sta guardando dall’altare: i volti dei suoi fedeli non si raccontano, ma sperano in un dialogo con Lei per far conoscere il loro segreto mondo spirituale e forse anche materiale». Quindi un invito ad avere sempre un’attenzione particolare per i giovani che «cercano una risposta alle domande fondamentali della loro esistenza», ma anche per gli anziani soli che, senza tanti progetti, «attendono una parola che potrebbe aprire orizzonti inattesi».

Nell’omelia mons. Lafranconi si è soffermato sulla parabola evangelica degli invitati a nozze: «Mi sembra un Vangelo molto azzeccato – ha esordito – perchè oggi qui a San Matteo c’è aria di festa. Quest’atmosfera è data dall’arrivo del nuovo parroco, ma anche dalla consapevolezza che Dio ci ha voluto così bene da voler essere lo sposo di tutti noi». Per il presule Gesù invita continuamente gli uomini alla sua festa di nozze: «E noi ci andiamo non come persone curiose, ma come degli amici e dei parenti. Ci sentiamo onorati di questo invito a far parte della sua famiglia».

Per mons. Lafranconi il sacerdote è un po’ come quei servi mandati dal protagonista della parabola ad invitare gli uomini al banchetto: «Questi ultimi non ci vanno perchè sono troppo presi dalle loro faccende e dai loro interessi. Mentre accogliamo il nuovo parroco chiediamoci che cosa interessa di più a noi! Ci sta a cuore l’ascolto della Parola di Dio, il dono dell’Eucaristia, il perdono del Signore?». E ancora: «Al prete bisogna soprattutto chiedere che spezzi la Parola e il Pane di vita, che offra la riconciliazione di Dio, che faccia memoria del dono d’amore di Gesù. Le altre cose sono secondarie».

E rivolgendosi a don Angelo ha proseguito: Caro don Angelo non stancarti mai di proclamare la Parola del Signore anche quando proverai delusione e tristezza: dietro ogni volto che accosterai c’è un cuore che anela al Signore».
Infine mons. Lafranconi ha ricordato che la comunità di San Matteo dovrà collaborare in maniera organica con le vicine parrocchie di Dosolo, Villastrada e Cavallara.

Don Angelo Maffioletti - Ingresso 1

Prima della benedizione episcopale ha preso la parola don Angelo che ha ricordato le parole di Giovanni XXIII pronunciate proprio la sera dell’11 ottobre 1962, dopo l’apertura del Concilio Vaticano II: «Come quel grande papa anche io ripeto a voi: “La mia persona non conta nulla, io sono un fratello diventato padre per grazia di Dio”. 
Credo che siano le parole più belle che un pastore debba dire». E poi ancora: «Aiutatemi ad essere fratello che per grazia ha ricevuto questo incarico, aiutatemi con la preghiera, con l’amicizia, e quando necessario con la vostra correzione schietta e diretta». Don Angelo ha poi fatto riferimento al grande affresco nell’abside: «Cristo è al centro e attorno a lui si raccoglie la comunità. È significativo che ci siano anche dei feriti: tutti devono sentirsi accolti dal Signore». E dopo aver invitato la comunità a camminare insieme ha ringraziato i suoi predecessori: don Dante Leonardi, don Elio Testa e il defunto don Amedeo Delfini.

All’uscita dei ministri il gruppo storico di Casalmaggiore si è nuovamente esibito riscuotendo un grande successo. In oratorio un ricco rinfresco ha concluso una giornata storica per San Matteo delle Chiaviche, Sabbioni e Squarzanella.

 


About the Author



Rispondi

Back to Top ↑